Logo

Libri : I sette peccati capitali dell’economia italiana

by / 12 marzo 2018 Libri No Comments

L’ultimo libro di Carlo Cottarelli, già dirigente del Fondo monetario internazionale e Commissario per la spending review con i governi Letta e Renzi.

Perché l’economia italiana non riesce a recuperare? Secondo Carlo Cottarelli esistono alcuni ostacoli molto ingombranti. Sono i sette peccati capitali che bloccano il nostro paese: l’evasione fiscale, la corruzione, la troppa burocrazia, la lentezza della giustizia, il crollo demografico, il divario tra Nord e Sud, la difficoltà a convivere con l’euro. Quali sono le cause di questi peccati? Davvero commettiamo più errori degli altri Paesi? Ma, soprattutto, ci sono segnali di miglioramento e speranza per il futuro? Dopo un’esperienza decennale da dirigente del Fondo monetario internazionale, Cottarelli torna in Italia e risponde a queste domande con un linguaggio semplice ma rigoroso. Dimostra che se i segnali positivi sono ancora parziali e moltissimo resta da fare, la precarietà che impedisce la nostra ripresa non è legata a un destino che siamo costretti a subire. Un saggio necessario che guarda al futuro con realismo, ma anche con una consapevole fiducia. Correggere i nostri errori e smettere di peccare è ancora possibile. ( Ordina il libro ) 

L’autore

Carlo Cottarelli, è stato Direttore del Dipartimento Affari Fiscali dal novembre 2008 al 22 ottobre 2013. Dopo aver conseguito lauree in Economia all’Università di Siena e London School of Economics, è entrato nel Dipartimento di ricerca della Banca d’Italia, dove ha lavorato dal 1981 al 1987 nella Divisione del settore monetario e finanziario. Dopo aver lavorato per circa un anno come capo del dipartimento di Ricerca economica dell’ENI (la principale società energetica italiana),  Cottarelli è entrato nel  Fondo Monetario Internazionale nel 1988, lavorando per il dipartimento Europeo, il dipartimento Monetario e dei mercati dei capitali, lo Sviluppo e la revisione delle politiche Dipartimento e Dipartimento Affari Fiscali. È stato vicedirettore sia nel dipartimento Europeo che nel dipartimento di Strategia, politica e analisi. Cottarelli ha lavorato in diversi paesi avanzati, emergenti e a basso reddito nel contesto della sorveglianza, dei programmi finanziati dalla FISM e dell’assistenza tecnica, tra cui Albania, Croazia, Ungheria, Libano, Russia, Serbia, Tagikistan, Turchia, Italia e il Regno Unito. E’ stato direttore del dipartimento Affari fiscali, che fornisce consulenza in materia di finanza pubblica a circa cento economie avanzate, emergenti a basso reddito ogni anno. Come capo del dipartimento Affari fiscali, è stato responsabile per lo sviluppo e la pubblicazione del monitor fiscale, una delle tre pubblicazioni di punta dell’FMI. Ha scritto diversi articoli su politiche e istituzioni fiscali e monetarie e ha pubblicato libri sull’inflazione, la politica monetaria e i tassi di cambio. Nel novembre 2013 viene nominato dal Governo Letta Commissario straordinario per la Revisione della spesa pubblica. Nell’ottobre del 2014 lascia l’incarico di commissario alla revisione della spesa poiché il Governo Renzi lo designa per un incarico al Fondo Monetario Internazionale con decorrenza 1º novembre 2014.  Si dimette da questo incarico con decorrenza 30 ottobre 2017.( Altri libri di Carlo Cottarelli )


Leggi anche

Redazione

Quotidiano on line di informazione fondato da Gianni D'Anna nel 1992 , prima testata on line di Augusta .Registrata al tribunale di Siracusa al n.06/2001.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi