Logo

Lentini : Approvate nuove tariffe Tari

Martedì il Consiglio Comunale di Lentini ha approvato le nuove tariffe della tariffa Rifiuti che ricordiamo devono essere approvate entro il 30 marzo. Polemiche da parte dei 5 Stelle che hanno bollato il provvedimento come “irresponsabile”.

 

29 marzo 2018 – Mentre ad Augusta , dove i 5 Stelle sono maggioranza,  si è aperto un dibattito sulla decisione di convocare una seduta mattutina nel giorno che tradizionalmente è caratterizzato dalle processioni del Venerdì Santo , quella che parte all’alba dalla  chiesa di San Giuseppe e quella del tramonto che parte da Piazza delle Grazie. Parte della minoranza ha marchiato la convocazione  come “inopportuna”  e un “affronto alle tradizioni cittadine“. A Lentini invece il presidente del consiglio , Giuseppe Innocenti,  a differenza della collega augustana,  è riuscito a portare in aula il provvedimento, prima della scadenza.  Lo scorso anno è accaduta la stessa cosa ,  documento arriva in aula all’ultimo giorno utile con uno “spettacolo indecoroso” che è finito anche sul tavolo della Prefettura con pesanti accuse della minoranza.  Evidentemente  a Lentini   l’amministrazione  del sindaco Saverio Bosco ha provveduto con congruo anticipo  a  produrre la documentazione necessaria. A margine dei lavori in aula la portavoce dei 5 Stelle, Maria Cunsolo, ha avuto parole ben precise :  “In modo assolutamente irresponsabile è stato presentato un piano finanziario per la tariffa Tari che vede, a fronte di un risparmio in bolletta per le utenze domestiche di circa 3  euro a persona annua (un cono gelato), l’aumento del costo della TARI per le utenze non domestiche, negozi, attività artigianali e commerciali del 112%, (più del doppio)“.   L’analisi della Pentastellata continua :”E’ vero che la raccolta differenziata ha prodotto dei guadagni ,circa  100 mila euro, ma tali guadagni sono stati assorbiti dal costo del servizio di raccolta. Abbiamo esortato l’amministrazione e implorato i Consiglieri – sostiene la portavoce –  di ritirare e non votare la pena di morte per l’economia lentinese già in agonia. Abbiamo indicato una strada alternativa quella di dire ai cittadini la verità“. Quindi elenca una serie di punti :”Che la raccolta differenziata ancora non ha prodotto i frutti economici previsti. Che ci sarebbe voluto più tempo e più impegno da parte di tutti per avere un guadagno tale da trasformarsi in un vero risparmio in bolletta. Che a fronte del maggiore lavoro dei cittadini l’Amministrazione si sarebbe impegnata a diminuire i costi del servizio di raccolta, facendo finalmente una gara d’appalto. Che si sarebbe agito contro i furbetti.  E che almeno se non in risultati economici, avremmo avuto una città più pulita. Che il risparmio pari al costo di un gelato l’anno non avrebbe cambiato le condizioni economiche di nessuno“. Maria Cunsolo conclude :”Questa scellerata amministrazione con questo piano TARI rischia di far sparire gli ultimi commercianti e artigiani, linfa vitale per la città, che sino ad oggi hanno resistito alla crisi, rimasti soli a combattere una battaglia che sembra già oramai persa a Lentini“.   – 2018 © www.augustaonline.it 



Leggi anche

Redazione

Quotidiano on line di informazione fondato da Gianni D'Anna nel 1992 , prima testata on line di Augusta .Registrata al tribunale di Siracusa al n.06/2001.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi