Logo

Canicattini Bagni : Uccisa e gettata in un pozzo

Paolo Cumbo, ha confessato l’omicidio, dopo un lunghissimo interrogatorio nella caserma dei carabinieri. L’ha uccisa a coltellate e poi gettata all’interno di un pozzo. Così è morta la ventenne Laura Petrolito.  L’efferato fatto di cronaca si è consumato Canicattini Bagni.  

 

18 marzo 2018 –  Il compagno avrebbe indicato il luogo in cui aveva gettato l’arma del delitto. Ancora oscuro il movente del delitto: forse un raptus di gelosia. La giovane lascia due figli: un bimbo di quattro anni, nato da una precedente relazione, e un altro di diciotto mesi avuto dall’attuale compagno. A dare l’allarme la famiglia della donna a cui aveva lasciato il figlio di 8 mesi.  I Carabinieri hanno subito iniziato le ricerche.  Il cadavere della ragazza  è ritrovato  in un pozzo artesiano nella campagna ,tra le colline di Canicattini Bagni, in contrada Stallaini.   La scomparsa della ragazza era stata denunciata  ieri sera. Oggi il ritrovamento del cadavere. La giovane donna, sulla base di una prima ispezione cadaverica, sarebbe stata uccisa intorno alle 22 di sabato.   Secondo quanto ricostruito finora dagli investigatori chi ha gettato il cadavere avrebbe provato a spingerlo giù in fondo al pozzo ma il tentativo non è andato a buon fine perché il corpo è rimasto impigliato ad alcune sporgenze.  L’indiziato principale è il compagno  che è già stato interrogato . Secondo quanto  ricostruito dagli investigatori, i due ragazzi ieri sono usciti di casa per fare una passeggiata , hanno lasciato il piccolo con il nonno. La coppia non è più rientrata. Inutili i tentativi dell’anziano di rintracciare telefonicamente la figlia o il suo compagno, da entrambi i cellulari l’uomo non è riuscito ad ottenere nessuna risposta. Adesso si cercherà di fare luce con le indagini,  per congelare i momenti iniziali, in questa prima fase. Nel piccolo centro , dove tutti si conoscono, la notizia ha suscitato profondo cordoglio.  La prima cittadina ha commentato :”Auspichiamo – ha detto Marilena Miceli – che le forze dell’ordine facciano piena luce e soprattutto – ha aggiunto – rendano giustizia per la morte di una giovanissima mamma. Tutta la città ferita – ha proseguito il primo cittadino – si stringe attorno al figlioletto di Laura, altra vittima di questa assurda tragedia, insieme alla famiglia”. 



Leggi anche

Redazione

Quotidiano on line di informazione fondato da Gianni D'Anna nel 1992 , prima testata on line di Augusta .Registrata al tribunale di Siracusa al n.06/2001.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi