Logo

Brasil, il nuovo album di Mario Biondi

09 marzo 2018 – E’in uscita oggi il nuovo album firmato da Mario Biondi la voce più “nera” d’Italia.  Un viaggio musicale e geografico attraverso le tradizioni musicali del Brasile. L’album   ‘Brasil‘ il 23  uscirà contemporaneamente anche in Germania, Spagna, Portogallo, Brasile, UK, Francia e Giappone. Il cantante siciliano  ha raccolto molte delle sue passioni in arrivo dalle musiche carioca, da di Rio de Janeiro dove Biondi ha passato qualche tempo per registrare le tracce. (Ordina il CD)  – (Ordina vinile – 2LP)

Quest’album più l’ascolto e più mi piace – ha commentato Biondi – perché ci trovo le tracce del mio apprendimento musicale, con molti degli artisti che ho sempre seguito“. Prodotto da Mario Caldato, già vincitore di un Latin Grammy, ‘Brasil’ ripercorre le vicende della musica brasiliana attraverso una serie di rivisitazioni, da ‘Felicitade’ di Seu Jorge a ‘Flor de lis’ trasformata in ‘Upside down’, passando per Tom Jobim, Vinicius de Moraes, Henri Salvador e diversi altri, con un totale di quattordici titoli in scaletta. “Lo studio di registrazione a Rio – ha spiegato Biondi – era un vero e proprio porto di mare con professionisti in arrivo da tutto il mondo, che entravano per cominciare subito a fare festa. All’inizio la cosa mi infastidiva, perché in studio sono concentrato e meticoloso, poi ho scoperto che si trattava di persone interessanti e con alcuni ho creato legami che un giorno, chissà, potrebbero trasformarsi in collaborazioni“.

Nella lista di brani che raccontano il Brasile alla maniera del cantante catanese, c’è anche il brano presentato allo scorso Festival di Sanremo, ‘Rivederti’, così come, tra gli inediti, ci sono quelli realizzati con gli autori brasiliani Rogé e Gabriel Moura, rispettivamente per ‘Take me to the stars’ e ‘On the moon’. Adattata all’italiano, invece, ‘Deixa eu dizer’ di Ivan Lins. Il progetto brasiliano di Mario Biondi prenderà anche la forma di un nuovo tour, in partenza dall’Italia nel mese di maggio e con due eventi unici al Palalottomatica di Roma (il 17) e al Mediolanum Forum di Milano (il 20), prima di proseguire verso il Regno Unito, con partenza da Londra (a luglio) e poi Manchester, Newcastle, Glasgow ed Edimburgo nel mese di ottobre. “Sento dire che noi italiani – haaffermato Biondi – all’estero riusciamo a farci conoscere solo con il bel canto e la lirica, ma non penso sia così. Per quanto mi riguarda sono dieci anni che faccio concerti da sold-out nel Regno Unito, proponendo una musica diversa. Il pubblico italiano, fuori dai nostri confini, ha cominciato a seguirmi solo di recente. Prima, gli spettatori ai concerti erano in grande maggioranza locali“.



Leggi anche

Redazione

Quotidiano on line di informazione fondato da Gianni D'Anna nel 1992 , prima testata on line di Augusta .Registrata al tribunale di Siracusa al n.06/2001.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi