Logo

Augusta:Maggioranza 5 Stelle approva bilanci 2015 e 2016/2018

by / 27 marzo 2017 Politica No Comments

L’argomento Bilancio ha visto l’esordio come consigliere comunale di Giuseppe Schermi che ricordiamo è stato assessore con delega al Bilancio e vice-sindaco dell’amministrazione Di Pietro.

 

27 marzo 2017 – Nell’ultima seduta del consiglio comunale,23.03.2017, è stato trattato ed approvato il Bilancio 2015 e bilancio stabilmente riequilibrato 2015 /2017 . La discussione si è protratta per oltre un’ora , prima del voto finale. Schermi ha esordito sollevando “Una questione pregiudiziale” chiedendo che l’intervento sia messo a verbale e trasmesso a Prefettura e Assessorato regionale Enti locali. Il bilancio stabilmente riequilibrato , ricordiamo , era già stato approvato dall’aula nell’agosto 2016 e in seguito approvato dal Ministero nel novembre 2016. “Il consiglio comunale – sostiene Schermi – avrebbe dovuto provvedere , entro trenta giorni, ad approvare il Bilancio d’esercizio, invece sono passati quattro mesi.
Con conseguente danno erariale da quantificare , conseguentemente al perdurare di ricorso alla gestione in dodicesimi del bilancio consuntivo 2014 (approvato dai Commissari ndr)
“. Nonostante circa 20 milioni di liquidità nelle casse comunali , l’amministrazione è stata costretta a tenere conto del bilancio 2014. In maniera inequivocabile, nonostante gli annunci della rete, la gestione amministrativa della città è rimasta in una sorta di limbo, appesa nel vuoto, tra malfunzionamenti e mancate manutenzioni : illuminazione, strade, istituti scolastici, rete idrica. Ricordiamo che tra le cause dei ritardi la mancanza di un collegio di revisori dei conti e alcuni problemi burocratici legati alle nuove nomine che hanno fatto slittare l’approvazione.

Schermi ha ricordato che da settembre, dopo il suo licenziamento “il sindaco ha trattenuto per se le deleghe di Bilancio e Tributi, – ha spiegato – assumendosi tutte le responsabilità sulla mancata approvazione dei bilanci di previsione e consuntivo comporta il commissariamento dell’ente e la procedura di scioglimento del consiglio comunale“. Poi arriva la mazzata finale dell’ex amministratore :”Il consiglio doveva essere preliminarmente informato sulla sentenza, la nota infatti non è mai stata consegnata ai consiglieri“. Per tali ragioni il consigliere ha chiesto che “Il punto all’ordine del giorno venga ritirato fino a quando non sarà discussa in consiglio la sentenza della Corte dei conti“.
Sulla nota della Corte dei Conti interviene il consigliere Giuseppe Di mare :”Sicuramente c’è un problema, una grave violazione. La nota della Corte del 29.11.2016, recita “gli elencati rilievi critici impongono la loro segnalazione al consiglio comunale per il tramite del suo presidente”. Questa nota non è giunta, quindi con una palese violazione. La gravità è rappresentata dal fatto che ognuno dei consiglieri può essere chiamato a rispondere di persona“. La pregiudiziale Schermi è stata bocciata con 17 voti contrari dei 5 Stelle, la minoranza presente in aula ha espresso nove voti favorevoli.
La prima cittadina in un suo intervento ha ricordato che :”Questa amministrazione ha trovato un comune in dissesto. I commissari avevano presentato un piano di riequilibrio che è stato ,bocciato. Noi abbiamo dichiarato il dissesto il 30 luglio 2015. Non è colpa nostra se le aliquote sono al massimo. Ma per colpa di coloro che in venti anni si sono mangiati un paese. La colpa del dissesto non è di chi lo dichiara ma da chi combina il comune in questa maniera indecente“. Dalla maggioranza partono gli applausi, mentre alcuni consiglieri di minoranza lasciano l’aula.
Il capogruppo 5 Stelle , Mauro Caruso , per dichiarazione di voto afferma: “Noi ci assumiamo la responsabilità per mandare avanti la città. Quindi voteremo positivamente“. Mentre il gruppo Misto tramite Giuseppe Di Mare annuncia :”Usciamo dall’aula a causa delle gravi irregolarità di un atto non consegnato ai consiglieri e la mancanza in aula dei revisori dei conti durante l’approvazione di un bilancio con prescrizioni del Ministero“. Triberio, Aviello e Beneventano esprimono voto contrario, favorevoli i 16 consiglieri più la presidente. Con questa votazione sono stati approvati il bilancio 2015 e quello pluriennale 2016/2018. La seduta è sciolta.- 2017 © www.augustaonline.it



Leggi anche

Redazione

Quotidiano on line di informazione fondato da Gianni D'Anna nel 1992 , prima testata on line di Augusta .Registrata al tribunale di Siracusa al n.06/2001.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi