Logo

Augusta : Venerdì Santo , il video

È il Venerdì Santo che maggiormente coinvolge emotivamente gli animi degli Augustani con la doppia processione del Cristo morto ,alle  5 del mattino e della sera.  Nel video di Service Drone di A.F. i momenti più suggestivi delle due processioni.

All’alba tutti accorrono alla chiesa di San Giuseppe per assistere all’uscita del Cristo morto portato dai confrati che vestono un abito penitenziale di foggia spagnolesca.Il Cristo morto, adagiato in un letto di purpuree camelie, viene portato in processione per le vie cittadine entrando in tutte le chiese in cui la sera prima (il Giovedì Santo) è stato allestito il “Sepolcro”. Il significato di tale processione, apparentemente anti-liturgica agli occhi della gente, in quanto cioè non segue temporalmente la morte di Gesù, non lo è affatto. Essa è una processione eucaristica, poiché i confrati di San Giuseppe vanno a rendere l’ultimo omaggio a Gesù Eucarestia in forma comunitaria, come da secolare tradizione. In passato infatti, i confrati non ritenendo opportuno portare in processione  la piccola statua di San Giuseppe, vista la particolarità del momento religioso, decisero di portare in processione un Cristo morto.
La sera sul piazzale di Levante (Piazza delle Grazie), alla fine dell’antica Via del Calvario (attuale Via Roma), una folla enorme assiste alla tradizionale “A scisa ‘a cruci”. Dopo una breve omelia pronunciata da un sacerdote, il simulacro del Cristo crocifisso eretto nel suddetto piazzale, viene schiodato dai confrati dell’Immacolata e deposto in una teca di vetro, anch’essa, come quella della processione mattutina, adornata di camelie. Subito dopo, all’angolo tra Via Xiacche e Via Xifonia avviene “l’Incontru”. Il simulacro dell’Addolorata, tra un mesto brusio della folla trepidante in attesa di tale commovente momento, uscendo da Via Xiacche va incontro al Cristo morto proseguendo insieme fino alla “Spartenza”, che avviene puntualmente nel quadrivio tra Via Roma e Via Xifonia. Giunti al punto descritto in precedenza, dopo una breve omelia, i due simulacri fanno ritorno alle chiese di appartenenza. Alle varie processioni che caratterizzano la Settimana Santa  prendono parte molti bambini vestiti da “santi” particolarmente venerati in Augusta come San Giuseppe, San Domenico, Santa Rita, San Francesco, Santa Bernadette o anche bambine vestite di Veronica, Immacolata, Madonna di Lourdes, del Carmine o più semplicemente di Addolorata. – Gioacchino Cacciaguerra © www.augustaonline.it   (Il video è di Service Drone di A.F. )



Leggi anche

Redazione

Quotidiano on line di informazione fondato da Gianni D'Anna nel 1992 , prima testata on line di Augusta .Registrata al tribunale di Siracusa al n.06/2001.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi