Logo

Augusta : Il bilancio dell’attività dell’Autorità Portuale

Salone di rappresentanza del Comune  “salotto buono della città”.  Una location inusuale per un riepilogo sulle attività portuali , che dimostra la sinergia in atto tra il territorio e la regia di comando della portualità Megarese.

 

23 marzo 2018 – “Devo dire senza piaggeria ciò che è stato fatto in un anno è veramente apprezzabile” ha esordito così il sindaco maria Concetta Di Pietro che ha convocato una conferenza stampa nel salone di rappresentanza di Palazzo di città per presentare ai giornalisti presenti il bilancio dell’Autorità di Sistema mare della Sicilia Orientale.   Erano presenti , naturalmente, il presidente dell’ente portuale Andrea Annunziata e il Segretario Generale Carlo Guglielmi. Una location inusuale, per un riepilogo sulle attività portuali , che dimostra la sinergia in atto tra il territorio e la regia di comando della portualità Megarese.  Il presidente Annunziata ha  detto che  “Questa conferenza serve  per divulgare una sintesi di tutto quello che stiamo facendo e che abbiamo fatto.     Al di là delle chiacchiere che ci sono in giro“.  Più volte il presidente, durante quest’anno, in più occasioni pubbliche, ha polemizzato con certa stampa che non riporterebbe con precisione fatti e circostanze, di fatto annullando “tutto quanto di buono si sta portando avanti“.   Ha poi aggiunto : “Voi giornalisti ci potete dare una mano“.  Annunziata ha avuto parole d’elogio per il suo staff, a cominciare dal segretario generale :”In Italia non ci sono molti come il nostro segretario“. Poi ha cercato di sintetizzare l’operato da quando è al comando dell’Authority portuale Augusta/Catania. “Abbiamo messo insieme due realtà che non avevano nulla in comune. – ha sostenuto –  Abbiamo trovato una pianta organica sotto dimensionata. Siamo stati costretti a lavorare con due soli ingegneri. Altre autorità hanno  organici completi. Devo ringraziare gli attuali  dipendenti per il grande spirito di abnegazione“.   Probabilmente è tra le priorità  l’allargamento della Pianta Organica, con i tempi burocratici italiani, che porti a un  bando d’interesse che si spera sia pubblicizzato ampiamente e non come in passato in fondo alle pagine di alcune testate nazionali.  Il territorio potrebbe offrire professionalità all’altezza di compiti d’istituto.  Il presidente Annunziata ha poi sottolineato che viene “Da dieci anni di esperienza nella logistica. Sono un meridionale e come tale ho preferito un porto del Sud , anziché una sede al Nord”. Secondo il presidente  “Il porto di Augusta ha tante potenzialità, però va ridisegnato. Va rimodernata la portualità di tutta la zona“. Poi ha riferito di essere stato al  Seatrade Cruise Global, la più importante fiera mondiale della crocieristica.  “A maggio – ha anticipato il presidente – sarò a Shangai.  Augusta sarà protagonista. Mentre dall’estero ci chiedono infrastrutture.  Però bisogna fare in fretta perchè gli  imprenditori che vogliono investire chiedono tempi ristrettissimi. Il coordinatore del corridoio Europeo Pat Cox, in una sua  recente visita,  ha elogiato e apprezzato il nostro lavoro.Anche se  ha condiviso le preoccupazioni sulla migrazione che vede il porto di Augusta al centro dell’attenzione“.    Annunziata ha poi riferito delle sinergie sul territorio :”Stiamo lavorando con la Marina Militare e il comune. C’é intesa con la Marina Militare per quanto riguarda la grande cantieristica che può  favorire   interessi a investimenti di armatori stranieri. Avere in questo comparto anche la collaborazione della MM ci dà ulteriore garanzia di successo“. In effetti ci sono diverse opzioni al momento che farebbero pensare a una stretta collaborazione tra enti pubblici e privati. Perché non bisogna scordare che ad Augusta sin dai primi anni del ‘900 sono presenti cantieri di riparazione navale che rappresentano una realtà qualificata e professionale. Una valorizzazione e il potenziamento della cantieristica,  strategia positiva, non può che passare anche attraverso il coinvolgimento delle realtà private presenti. Il presidente ha poi accennato alle infrastrutture, la cui realizzazione obiettivamente è ferma sulla carta da diversi anni, come la manutenzione della diga foranea che è ferma al palo da un decennio, bloccata dalle pastoie burocratiche e dai continui e numerosi  commissariamenti dell’ente.  Annunziata ha dato alcune anticipazioni  “Dobbiamo preparare le strutture.  Siamo riusciti a portare in bando i lavori della diga foranea. Mercoledì l’apertura delle buste. Un appalto di 11 milioni e 100 mila  euro (primo stralcio)  per sistemare i due capisaldi dell’imboccatura  che ci permetteranno di realizzare il più complesso “rifiorimento” dei due bracci principali”.  Si è accennato alla realizzazione del  Terminal container  “Appalto aggiudicato all’impresa Massarotti – ha spiegato Annunziata – Sono in corso le verifiche sui requisiti“. Si continua con la realizzazione di un terminal  ideato agli albori della portualità, su un vecchio progetto ASI, quando l’Autorità Portuale non era neanche nei pensieri. Mentre appare come un sogno irrealizzabile quel grande progetto,  proposta durante la presidenza di Aldo Garozzo,  di realizzare un terminal container nell’area della radice della diga foranea (Lato Ponente/ dove adesso c’é il “canale Inglese”) In quell’area ci potrebbe essere anche maggiore probabilità di realizzare più facilmente uno snodo ferroviario. Annunziata ha poi accennato a una serie di lavori e iniziative programmate . Per le  gru Inutilizzabili ha affermato “di avere  dato incarico a professionista universitario per individuare il ripristino della funzionalità, con scadenza 30 marzo. Adeguamento banchina (secondo stralcio)  220 metri di banchina (consegna aprile 2019). Per il  Raccordo ferroviario  utilizzeremo fondi nostri . Con le gru funzionanti, la ferrovia  e i piazzali pronti potremo offrire nuove opportunità di lavoro. Perché l’armatore va dove c’è convenienza – ha affermato il presidente –  Sul piano regolatore unico bisogna rendersi conto che si tratta di due realtà non contigue (Augusta-Catania) . Cercheremo di sviluppare il meglio. L’aeroporto è una grande opportunità. Nel raggio di 40 chilometri abbiamo un buon sistema logistico.  Stiamo lavorando sul GNL , ci stiamo confrontando con tutti.   Dobbiamo velocizzare i tempi se no rischiamo di uscire fuori dal mercato“. Andrea Annunziata ha poi precisato che :” La paura dei finanziamenti che vanno a Catania e una balla. I soldi  che ha incamerato  Augusta, circa 200 milioni,  saranno spesi qui“.  Avremmo voluto chiedere se sul GNL , in caso di un probabile interesse di imprenditori a realizzare un deposito,  l’Autorità ha già uno spazio adeguato da offrire. Avremmo voluto chiedere se l’Autorità effettua periodicamente verifiche sull’utilizzo delle aree date in concessione nel porto commerciale, per  accertare  se  i volumi di carico/scarico  corrispondono ai master-plan presentati al momento della richiesta di concessione. Avremmo voluto chiedere se e quando le banchine saranno liberate dalle navi sequestrate che , di fatto, occupano posti operativi (pontile ro-ro  e consortile). Purtroppo non c’è stato tempo perchè  l’autorità portuale e il sindaco erano attesi a un tavolo in Prefettura che affrontava  il problema della  ,con i noti problemi di mancata manutenzione del “cavalcavia”  all’ingresso dell’area commerciale. – Gianni D’Anna 2018 ©  www.augustaonline.it 

 


Leggi anche

Redazione

Quotidiano on line di informazione fondato da Gianni D'Anna nel 1992 , prima testata on line di Augusta .Registrata al tribunale di Siracusa al n.06/2001.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi