Logo

Augusta – Giovedì Santo notte tra musica e tradizione

Il  video è una conferma della presenza di eccellenze locali , musicisti e  video-maker,  che a differenza di altri hanno deciso di continuare a rimanere in città per dare un contributo notevole  alla cultura e alle tradizioni cittadine. 

 

27  marzo 2018 – Giovedì Notte è il titolo di una video produzione che fa parte di un progetto più ampio denominato  “Passio Hominis” dell’associazione Sloq di Salvo tempio, in memoria di Vito Vinci e Ignazio De Leo, i due musicisti augustani, tromba e tamburo che animavano la tradizione del Giovedì Notte.  Negli ultimi anni la cultura cittadina secolare  ha ricevuto un notevole colpo di grazia dall’insensibilità delle istituzioni , poco attende e parecchio distratte.   Una sorta di involuzione culturale istituzionale che trova argine solamente nella buona volontà di privati e associazioni che si sforzano di valorizzare quanto di culturalmente valido esiste.   Il video è una rappresentazione visiva e musicale del Giovedì Santo,  una serie di gesti e usanze legate a tradizioni popolari e religiose tipicamente augustane.  Augustanoline ha già  pubblicato anni fa un redazionale a firma di Gioacchino Cacciaguerra sulla “Settimana Santa ad Augusta” . Il Giovedì  inizia :”al tramonto, con il Triduo Pasquale. In tutte le Chiese parrocchiali si celebra la messa in “Coena Domini”. All’interno della  messa ha anche luogo la rievocazione della “lavanda dei piedi”, il grande gesto di umiltà compiuto da Gesù  ai suoi discepoli per sottolineare la dimensione del servizio e del sacrificio di ogni cristiano per la vita altrui. Dopo la “Messa in Coena Domini” è la solenne deposizione del SS. Sacramento. L’Eucarestia, riposta dentro un’urna, viene esposta all’adorazione dei fedeli in luogo debitamente ornato, con fiori e “laureddu”(grano germogliato). Proprio per il fatto che le Sacre Specie, nelle varie chiese, vengono riposte dentro queste urne la gente impropriamente li chiama, da tempo immemorabile, “Sepolcri”.
La tradizione popolare vuole che essi vengano visitati in numero dispari a simboleggiare il numero delle piaghe di Cristo. Particolarmente toccante ed emozionante e allo stesso tempo struggente è il momento successivo alla chiusura delle chiese al termine dell’adorazione eucaristica. A partire dalla mezzanotte si ode infatti per le vie cittadine il suono acuto e funereo di una tromba seguito dal  rullare di un tamburo. La tradizione popolare ha identificato il suono della tromba con il lamento della Vergine Maria alla ricerca dell’amato Figlio, il famoso “Turi o Turi! (diminutivo siciliano di Salvatore)”.  La scena iniziale mostra  gli attuali musicisti  Gaetano Garofolo (tromba) – Emanuele Di Grande (tamburo)   che ,  si fermano ai crocevia cittadini per continuare il rito della tromba. Un suono che  introduce la presenza scenica dell’attrice teatrale Anna Passanisi svegliata dal suono ancestrale.  Il bianco nero del video  aiuta a compenetrare meglio lo spettatore nell’atmosfera mistica.  La novità musicale è l’esecuzione in chiave jazz di quelle poche note. L’uscita in strada nell’alba del venerdì,  l’apertura degli usci delle tipiche case “terrane” alla luce dei lumini che improvvisamente di animano , sospesi nell’aria che seguono  le pie donne che alla spicciolata escono  per seguire un richiamo. Sulla strada  una corona di spine, simbolo della passione di Cristo morto in croce, presa e  indossata dall’attrice augustana, come segno di devozione a un dolore che si   ripete ad ogni Pasqua. Il video si conclude con le scale della chiesa di San Giuseppe che si apre ai fedeli, la chiesa da dove ha inizio la processione del  Cristo Morto alle cinque della mattina di Venerdì.  Ultimo fermo immagine le camelie  purpuree sugli scalini, le stesse camelie che adornano la teca di vetro del Cristo Morto. Le musiche del video sono di Salvo Tempio e Luca Auletta. Musica di Salvo Tempio e Luca Aletta Voce: Anna Passanisi Special guest: Ivan Cammarata (flicorno soprano) Salvo Tempio ( sax tenore) Luca Aletta  Jazz Trio / Luca Aletta ( piano ) Stefano Cardillo ( contrabbasso) Alessandro Borgia ( batteria) . Sceneggiatura, riprese e montaggio di Luca Musumeci.  Le donne sono : Anna Passanisi, Bridget Agius Delicata, Pina Balsamo, Maria Elena Fazio,  Renata Fazio, Rita Mituri, Lia Passanisi, Maria Rendo Lucy Russo e Amelia Martelli.- Gianni D’Anna © www.augustaonline.it



Leggi anche

Redazione

Quotidiano on line di informazione fondato da Gianni D'Anna nel 1992 , prima testata on line di Augusta .Registrata al tribunale di Siracusa al n.06/2001.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi