Logo

Augusta : Chi fa da se fa per tre. La cultura del popolo

Soddisfazione del comitato commercianti che ha organizzato. Mentre il consigliere comunale di minoranza Giuseppe Di Mare del movimento #PerAugusta polemizza con l’amministrazione : Ad Augusta il successo delle iniziative dei cittadini evidenzia le incapacità amministrative di chi non opera”.

 

24 aprile 2018 – “Grazie ai privati, alle associazioni, ai commercianti, ai volontari che in tutti i modi provano, con il proprio gratuito contributo, a far vivere la città” . Non usa metafore o mezzi termini il consigliere comunale d’opposizione per criticare l’immobilità dell’amministrazione Di Pietro, in particolare dell’assessorato alla Cultura. “Augusta c’è, la città ha vinto, grazie a tutte le persone che hanno lavorato riuscendo a creare magia nel nostro centro storico“. Lo afferma Marina Cannata del Comitato commercianti che ha proposto alla città la manifestazione “21 aprile – La festa delle bici in fiore” , una giornata all’insegna della partecipazione grazie alla passione per le due ruote che sono state adornate con fiori. Un’idea semplice che ha portato una folla di persone nel centro storico che notoriamente da anni appare come svuotato e desertificato. “Grazie alla partecipazioni delle associazioni: “Sulidarte” “Asd Freeride Augusta”, “Asd Team No Limit”, al gruppo ” Scout Augusta 1″, al gruppo “Araldini” : presente anche L’Istituto “Guglielmo Marconi” e un particolare ringraziamento ai ragazzi della cooperativa “Albachiara” per la loro bellissima esibizione – afferma Marina Cannata  che ricorda anche – la musica di Loudness Italia, l’animazione di Dj On Air, lo spettacolo di Arex & Lopix e infine un grandissimo ringraziamento va alla nostra amica Daniela Paci dell’associazione MusMea per aver intrattenuto instancabilmente tutto il pomeriggio le persone in Piazza Duomo“. 

Nei giorni scorsi – sostiene Di Mare – vedere le vie del centro storico così piene di cittadini  è stata una bella boccata d’ossigeno, allo stesso tempo non si può non evidenziare che queste iniziative che arrivano dal basso certificano il fallimento di un modo di amministrare la città che si limita all’ordinaria amministrazione. Non ci sono tracce di una minima – continua – programmazione culturale, di iniziative per il rilancio di Augusta, da parte di un assessorato “immobile”.  Ci si limita soltanto al rilascio di autorizzazioni che poco hanno a che vedere con le capacità di amministrare la seconda città , per residenti, della provincia di Siracusa“.  Non è difficile verificare l’operato di un qualsiasi assessorato. Basta  fare un’analisi obiettiva del programma elettorale presentato agli elettori per ottenere il voto dei cittadini. Augustaonline.it ha pubblicato alcuni redazionali  per verificare lo stato dell’arte della Giunta Di Pietro.   Il terzo capitolo analizzava le promesse elettorali relative al capitolo   Cultura , Beni e Sport .  Obiettivamente è uno dei punti del Programma della giunta Di Pietro che rappresenta una delle maglie nere, con poco o nulla di realizzato.
Ricordiamo che a febbraio l’assessore Giuseppina Sirena è stata al centro di una lunga polemica per alcune affermazioni che la stessa aveva pubblicato sul proprio profilo Facebook. A febbraio I consiglieri comunali di minoranza Aviello Salvatore, Beneventano Del Bosco Alfredo, Canigiula Enzo, Di Mare Giuseppe, Errante Salvatore, Lisitano Franco, Niciforo Marco, Pasqua Angelo, Sauro Irene, Settipani Nilo, Triberio Giancarlo, Tribulato Biagio, Tripoli Alessandro.  

L’Assessore alla cultura si è distinta – continua Di Mare – sin dal suo insediamento, per una totale assenza di programmazione e per la continua lamentela sulla carenza di fondi, ma le stesse eventuali, presunte ristrettezze economiche non giustificano questa totale assenza di attività. Allora viene da pensare che non è questione di fondi, ma di fondo, quello lo abbiamo già toccato. Non ho ancora capito – conclude il Consigliere Comunale Giuseppe Di Mare – qual è l’idea di politica culturale dell’Assessore, quale il suo manifesto programmatico, quale il fine del suo mandato, o più semplicemente dopo tre anni di amministrazione, il nulla prodotto è più di una risposta“.  Il programma elettorale al capitolo Cultura, Beni e Sport  appare una zona grigia. 

Ristrutturazione beni architettonici . Nessuna iniziativa. Rimangono tutte le criticità del passato : Parco dell’hangar chiuso;  Parco del Mulinello, costato cinque milioni di euro di fondi pubblici, continua a rimanere chiuso e nel degrado; Castello Svevo, Castello di Brucoli, Forti Garcia e Vittoria, rimangono chiusi al pubblico; i lavori dell’ex convento di San Domenico sono rimasti bloccati; Megara Iblaea rimane una bella cartolina illustrata con numerosi problemi di accessibilità; I ponti Spagnoli  chiusi al traffico pesante.
Valorizzazione del patrimonio culturale : nessuna iniziativa, l’immenso patrimonio culturale rimane fuori da ogni circuito. Bisogna dare atto ad alcune associazioni culturali locali se resiste una flebile attività culturale, spesso poco valorizzata dall’Ente comunale : Museo della Piazzaforte, manifestazione “vicoli e ronchi”, circuito religioso nelle chiese del centro storico, spettacoli lirici in Piazza Duomo.
Tutela dei beni archeologici : nessuna iniziativa per la valorizzazione di Megara Iblaea e Canale di Brucoli;
Promozione albergo diffuso : nessuna iniziativa;
Concessioni delle strutture sportive esistenti : questo è l’unico punto che inevitabilmente è stato realizzato, in caso contrario le uniche strutture esistenti sarebbero rimaste chiuse. Strutture che , come nel caso del Palajonio, attendono importanti ed urgenti interventi di manutenzione, senza i quali si rischia di perderne l’utilizzo per ragioni di sicurezza;
Realizzazioni di nuove strutture sportive : al momento non ci sarebbero iniziative in corso di realizzazione; Non solo nessuna progettazione, continua a rimanere lo “scheletro” della ex piscina comunale che è un altro inequivocabile biglietto da visita della città. La sua demolizione , già finanziata, è stata eliminata dal Piano triennale delle opere pubbliche dove, però hanno lasciato l’allargamento della strada attigua di collegamento al viadotto Federico II.
Promozione degli sport minori : nessuna iniziativa;
Promozione degli sport per disabili : nessuna iniziativa;
Valorizzazione delle eccellenze sportive : nessuna iniziativa ,a parte qualche riconoscimento ad atleti che sono stati ricevuti a Palazzo di città in alcune occasioni.  Un orizzonte vago, tante belle parole che rimangono sulla carta. Ecco perché le iniziative che arrivano dal basso sono eventi eccezionali che confermano il vecchio detto “Chi fa da se…..” – 2018 © www.augustaonline.it

Da dove leggete Augustaonline?

View Results

Loading ... Loading ...



Leggi anche

Redazione

Quotidiano on line di informazione fondato da Gianni D'Anna nel 1992 , prima testata on line di Augusta .Registrata al tribunale di Siracusa al n.06/2001.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi