Alberghi Augusta Calendario eventi Immagine del giorno Mappa Augusta


|HOME | Arch. articoli| Aziende |Cconsigli utili | Meteo| Porto| Monumenti| Traffico| Numeri utili| Redazione|
    AUGUSTA ON LINE,www.augustaonline.it,augusta, notizie,informazione,tempo reale
Pubblicità |Canale viaggi| Crociere | Cucina| Editoria | Ricerca| Sondaggi | Sport|

Condividi Negozio Cucciolo Calendario Eventi Young Artists Plus amazon.bonus-docenti





Augustaonline.it



Attualità

Il freddo non conosce partiti. Siamo alle solite.

10 gennaio 2017 - "Inizia malissimo il 2017 per gli studenti lentinesi. Dopo le vacanze natalizie gli alunni tornano a scuola e trovano i riscaldamenti non funzionanti e le classi con temperature glaciali". Lo afferma la consigliere comunale e portavoce del MoVimento 5 Stelle di Lentini Maria Cunsolo che continua : "Questo è successo ieri nella stragrande maggioranza degli istituti scolastici lentinesi ,alla Bottiglieri al plesso Aldo Moro e al plesso ex Polizia. Bambini costretti a rimanere imbacuccati nelle aule per il freddo, - sostiene la consigliera pentastellata - obbligati a riscaldarsi le mani mettendole nelle tasche del capotto, tra un esercizio di grammatica e l'altro. Ma non sarebbe stato più giusto, come si fa in un "paese normale" pensare al funzionamento dei riscaldamenti prima che i bambini tornassero a scuola? Eppure dalla chiusura delle scuole sono trascorsi più di 15 giorni. Signor sindaco e assessore Valenti ma la manutenzione dov'è? Quanto dovremo aspettare prima che i nostri figli possano svolgere le normali attività scolastiche senza rischiare l'assideramento? Speranzosa assieme agli studenti e ai loro genitori - conclude Maria Cunsolo - attendo risposte e soluzioni".
Questo quanto accaduto a Lentini e in altri centri della provincia governati da svariate forze politiche. Ad Augusta stessa scena in quasi tutti gli istituti, caldaie spente e termosifoni non funzionanti, oppure pompe di calore non manutenzionate e aule a temperature rigide. Oggi molti genitori della scuola primaria hanno preferito prolungare le vacanze ai propri figli tenendoli a casa, al calduccio, per non esporli a una situazione che crea parecchi disagi, specialmente per i più piccoli. Come sempre iniziano i cori di proteste a cui l'amministrazione risponde con le solite scuse e gli scarica barile di sempre. Lo scorso anno erano alle prime armi, in carica da pochi mesi. Quest'anno a circa 600 giorni dall'insediamento, amministratori, spesso improvvisati , a cui spetterebbe il controllo e l'indirizzo politico degli interventi di manutenzione, scaricano le responsabilità su dirigenti comunali o scolastici. Da tempo le scuole hanno richiesto l'accensione delle caldaie, dal comune arrivano le scuse varie per giustificare il disservizio. E' sempre colpa di altri. Il solito delutente spettacolino a cui purtroppo non ci si può abituare. Tra opposte tifoserie pro o a favore dell'amministrazione o dei dirigenti scolastici.
All'istituto Todaro ,per esempio, la dirigente Rita Spada ha dovuto pubblicare una nota nel sito istituzionale per chiarire l'attuale situazione : "In riferimento all’attivazione dei servizi di riscaldamento nei tre plessi, si comunica alle famiglie degli alunni che quest'ufficio scolastico ha provveduto ad inoltrare all’ente locale competente ( Comune ndr), le richieste di ordinaria manutenzione degli impianti di riscaldamento per la loro attivazione in tempi congrui, effettuando anche ulteriori solleciti urgenti. Nel plesso Saline non dotato di impianto di riscaldamento, è stata fatta richiesta di installazione di pompe di calore all’interno dei locali scolastici. Si resta in contatto con gli uffici comunali e con il Sindaco per monitorare l’evoluzione della problematica e per addivenire ad una risoluzione definitiva della stessa". Questa mattina una rappresentanza dei genitori "non schierati" ha chiesto un incontro a Palazzo.
La nota dei 5 stelle di Lentini conferma una verità : la politica e le amministrazioni sono colpevolmente impreparate e incapaci di affrontare i problemi quotidiani, qualunque sia il colore politico. Il disagio è bipartisan. Il freddo, quando arriva, non conosce colori o schieramenti politici. Basterebbe non farsi trovare impreparati, grazie a una buona programmazione degli interventi di manutenzione ordinaria. Invece ogni anno è sempre la stessa storia. A Lentini come ad Augusta. Le scuse varie non sono ricevibili da parte dei cittadini che ne hanno piene le tasche di mancati interventi. I politici sembrano avere una caratteristica comune : "La fisica del gatto" cioè “Cadono sempre in piedi”. E' un modo di dire preso in prestito proprio dal mondo dei felini : sono loro infatti che vantano questo istinto innato, che li porta ad atterrare sempre e regolarmente sulle 4 zampe. Ma come fanno i politici a cadere sempre in piedi anche di fronte all'evidenza dei fatti? Per quanto si possa mentire non si può sfuggire alla verità, specialmente se il termometro sfiora basse temperature a cui non siamo abituati. Chiudiamo con un classico del teatro italiano. Interno, camera da letto. Lucariello (Edoardo de Filippo) sotto le coperte chiede alla moglie in piedi :"Carmela fa freddo?". Carmela(Pupella Maggio) risponde : "Si gela. Fa freddo. Fa freddo. Hai capito che fa freddo. Il freddo non l'ho creato io. L'ha creato il Padreterno. Perciò t'aja rassegnà. Capito? Fa freddo. Fa freddo. Fa freddo". (Natale in casa Cupiello) . Comunque la pensiate Viva l'Italia. Gianni D'Anna © 2017 © www.augustaonline.it





© 2016 All Rights Reserved.E' vietata la riproduzione totale o parziale senza il permesso scritto dell'editore.
Risoluzione consigliata 1024x768-