Alberghi Augusta Calendario eventi Immagine del giorno Mappa Augusta


|HOME | Arch. articoli| Aziende |Cconsigli utili | Meteo| Porto| Monumenti| Traffico| Numeri utili| Redazione|
Augustaonline 25 anni d'informazione indipendente
Pubblicità |Canale viaggi| Crociere | Cucina| Editoria | Ricerca| Sondaggi | Sport|

Condividi Negozio Cucciolo Calendario Eventi Abbigliamento sportivo Meteo Augusta





Augustaonline.it



Primo Piano

Autorità Portuale di Sistema : in attesa decisione del Tar

29 marzo 2017 - Nei primi giorni di aprile il Tribunale Amministrativo Regionale di Catania dovrebbe esaminare il ricorso presentato da Assoporto Augusta. L'associazione d'imprenditori aveva anche chiesto un incontro al Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni durante una visita di quest'ultimo a Catania. Questi gli unici fatti concreti nella vicenda del preannunciato trasferimento della sede dell'Autorità di sistema portuale da Augusta a Catania, considerato un vero e proprio"scippo istituzionale" che ha prodotto , come reazione la manifestazione provinciale di protesta del 10 febbraio. Da quel giorno l'azione collettiva sembra essere stata ibernata, non ha avuto un seguito logico.
Inaspettatamente tutto è tornato nel silenzio, mentre la commissione del senato ha già dato il via libera alla nomina di Andrea Annunziata. Il fronte comune che vedeva insieme Sindacati, Comuni di Augusta, Priolo e Melilli, Assoporto Augusta, i deputati regionali e nazionali in maniera bipartisan, associazioni di volontariato e anche ambienti delle parrocchie, che aveva annunciato "altre clamorose iniziative" sembra essere come tramontato. Mentre, in questi giorni, il ministro Graziano Delrio percorre in lungo e largo la Sicilia rilasciando commenti e interviste su trasporti e portualità.
La piazza, seppure in maniera civile, non ha suscitato nessuna reazione, neanche un piccolo dubbio sulla mastodontica operazione di prestidigitazione del Governo che assegnerebbe la sede a un porto regionale come quello Etneo, distraendola alla sede naturale che è indicata in tutti i documenti , anche europei, di Augusta che attualmente è l'unico porto Core dell'area ionica. Per tale ragione oggi il ricorso al Tar presentato da Assoporto Augusta di cui è presidente Marina Noè rappresenta l'ultima frontiera della legalità in una vicenda che appare come l'ennesimo atto d'imperio della politica sul territorio della provincia siracusana.
Ricordiamo che al Tar dovranno esaminare il "ricorso e istanza di sospensione esecutività" presentato dai legali di fiducia Giovanni Randazzo e Marco De Benedictis. Un ricorso, ben articolato, che punta l'attenzione su numerosi presunte irregolarità e violazioni di legge contro la Legge numero 84 del 1994 nel testo novellato dall'articolo 7 decreto legge numero 169 del 2016; regolamento Unione Europea numero 1315 del 213 : Augusta è porto Core e fa parte della rete Ten-T, Catania no; Eccesso di potere per contraddittorietà e illogicità manifeste; difetto d'istruttoria e motivazione; Eccesso di potere per erroneità dei presupposti di fatto; Violazione articolo 97 Costituzione Italiana; principio di pubblicità e trasparenza sancito dal Piano strategico della portualità approvato don Decreto presidente Consiglio dei Ministri; Incompetenza ; Difetto d'istruttoria; Eccesso di potere per erroneità dei presupposti; Eccesso di potere per sviamento; Illegittimità derivata.
In questi giorni di silenzio la deputata di Forza Italia Stefania Prestigiacomo, che ricordiamo aveva presentato in aula un'interrogazione sulla questione , ha confermato l'utilità dell'azione portata avanti da Assoporto : "Il ricorso al Tar ha concrete possibilità di essere accolto - sostiene la deputata siracusana - Una volta giudicato ammissibile farebbe scattare una sospensiva del decreto Delrio". Nella sua risposta all'interrogazione , riferisce la parlamentare forzista, il sottosegretario Umberto Del basso ha fatto riferimento al ricorso pendente davanti al Tar :"Non si può che aspettare gli esiti del provvedimento". Prestigiacomo aveva anche preteso di conoscere "l'attività istruttoria portata avanti dal governo" conclusa con la il famigerato "decreto fantasma" mai pubblicato, che rappresenterebbe un palese autogol per il Governo perché assegnerebbe la sede anteponendo interessi politici evidenti alle reali indicazioni di legge nazionali ed europee. Gianni D'Anna © 2017 © www.augustaonline.it

Augustaonline ha tenuto conto del tempo trascorso dalla visita del ministro Graziano Delrio ad Augusta (20 giugno 2015). In quell'occasione Augustaonline.it ha chiesto chiarimenti sulla vicenda del lungo commissariamento della Port Authority megarese e se in agenda c'era la nomina della presidenza. Risposta :"Nei prossimi mesi faremo tutto....." Guarda video . Invece sono trascorsi inutilmente :





© 2017 All Rights Reserved.E' vietata la riproduzione totale o parziale senza il permesso scritto dell'editore.
-