Alberghi Augusta Calendario eventi Immagine del giorno Mappa Augusta


|HOME | Arch. articoli| Aziende |Cconsigli utili | Meteo| Porto| Monumenti| Traffico| Numeri utili| Redazione|
Augustaonline 25 anni d'informazione indipendente
Pubblicità |Canale viaggi| Crociere | Cucina| Editoria | Ricerca| Sondaggi | Sport|

http://sostieni.link/15527
Condividi Destinazione natura in Italia Calendario Eventi Libri scolastici -15% Meteo Augusta





Augustaonline.it



Primo Piano

Processo a Carrubba. Chiesto riascolto intercettazioni

21 settembre 2017 - Alle ore 11.25 nell'aula di Corte assise del tribunale di Siracusa l'udienza del processo che vede l'ex sindaco di Augusta, Massimo Carrubba, accusato di "concorso esterno associazione mafiosa", che ha poi causato lo scioglimento del consiglio comunale. Dopo lo stop dello scorso aprile, a causa della rinuncia di alcuni giudici del collegio giudicante, oggi in aula era presente il nuovo collegio formato da Giuseppina Storaci (presidente) , Fabio Mangano, Anna Pappalardo. Dei numerosi imputati, erano presenti in aula Massimo Carrubba difeso da Francesco Favi e Maurizio Carcione difeso da Beniamino D'Augusta.
Un'udienza molto tecnica. Si è proceduto alla rinnovazione degli atti a causa del cambio del collegio giudicante. Tutte le parti hanno accettato. La pubblica accusa , il PM Andrea Ursino, ha esordito chiedendo ai giudici l'esame di alcune intercettazioni che erano già agli atti del processo, già sbobinate dai consulenti del tribunale, e altre che pare non fossero state trascritte per errore o perchè i file che li contenevano era danneggiato o non si trovava.
L'avvocato difensore di Carrubba, Francesco Favi , si è "opposto alla richiesta perché non appare chiaro il motivo per riascoltare le conversazioni". Secondo il legale "La richiesta del PM è confusa. Per non parlare del fatto che alcune di queste intercettazioni sono nuove e non sappiamo di cosa si tratta, perché non sono mai state depositate prima. Nel corso dell' elaborato e sofferto lavoro dei periti si fa riferimento a file che non si riescono ad aprire, quindi vorremmo capire di quali intercettazioni si sta parlando". Molte delle intercettazioni ambientali sono già state riascoltate in tutte le versioni dei periti che ricordiamo sono quelli del Tribunale, dell'accusa e della difesa. Migliaia di pagine che da anni sono passate al setaccio e che dovevano essere il pilastro per l'accusa nei confronti dell'ex sindaco.
"Oggi il PM - ha continuato Favi - ci chiede un ulteriore ascolto, il terzo. Se cadiamo in questo meccanismo a catena non arriveremo mai a una conclusione della vicenda". Il presidente del collegio Giuseppina Storaci ha quindi ritenuto necessario un aggiornamento "per sciogliere la riserva" sulla richiesta. Il processo ha più volte affrontato l'intrigata selva di intercettazioni telefoniche e ambientali. Sono state rilevate, in diverse occasioni, errori e scambi di persona, la più clamorosa ricordiamo il "refuso" di un video dove era stato indicato l'odierno imputato entrare in un'abitazione di un pregiudicato, salvo poi scoprire che c'era stato uno scambio di persona , un errore che è stato rilevato anche dai brogliacci degli investigatori dell'Arma confermato dallo stesso Comando provinciale. Il processo è stato aggiornato al 12 ottobre alle ore 9.30. © 2017 © www.augustaonline.it




© 2017 All Rights Reserved.E' vietata la riproduzione totale o parziale senza il permesso scritto dell'editore.