Alberghi Augusta Calendario eventi Immagine del giorno Mappa Augusta


|HOME | Arch. articoli| Aziende |Cconsigli utili | Meteo| Porto| Monumenti| Traffico| Numeri utili| Redazione|
Augustaonline 25 anni d'informazione indipendente
Pubblicità |Canale viaggi| Crociere | Cucina| Editoria | Ricerca| Sondaggi | Sport|

Condividi Negozio Cucciolo Calendario Eventi Abbigliamento sportivo Meteo Augusta





Augustaonline.it



Primo Piano

Operazione Aretusa: arrestate tredici persone

20 aprile 2017 - Duro colpo alla criminalità organizzata e al mercato dello spaccio stupefacenti. Gli arrestati, secondo gli investigatori della DDA di Catania che hanno coordinato le indagini, farebbero parte di sodalizi criminali che operano a Siracusa. Sono ritenuti responsabili, a vario titolo, di "associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti". Tutti i particolari dell'operazione sono stati resi noti questa mattina nel corso di una conferenza stampa congiunta : Procura Distrettuale della Repubblica di Catania - Direzione Distrettuale Antimafia, la Squadra Mobile della Questura di Siracusa e il Reparto Operativo Nucleo Investigativo del Comando Provinciale Carabinieri di Siracusa.
Alle prime luci del giorno Carabinieri e Poliziotti hanno dato esecuzione a un'ordinanza applicativa di misure cautelari emessa martedì 18 dal GIP del Tribunale di Catania a compimento di una complessa e articolata attività investigativa che è stata portata avanti con pedinamenti e appostamenti, con l'ausilio d'intercettazioni ambientali e telefoniche. Le indagini sono state supportate anche grazie all'apporto di collaboratori di giustizia. A finire nella rete delle forze dell'ordine , destinatari di provvedimenti di ordini di custodia cautelare in carcere : Luigi Cavarra 42 anni; Salvatore Catania 33 anni; Agostino Urso 21 anni; Gianfranco Bottaro 22 anni; Daniele Romeo 28anni; Francesco Satornino 63 anni; Lorenzo Vasile 54 anni; Francesco Cannata 34 anni; Francesco Calì 54 anni; Andrea Abdoush 38 anni; Emanuele Scattamagna 30 anni; Gaetano Urso 39 anni) e Luigi Urso 37 anni.
Gli investigatori hanno spiegato che "L'indagine ha svelato la perdurante operatività del sodalizio mafioso denominato "Bottaro-Attanasio" che storicamente opera nel capoluogo aretuseo, il quale riesce a mantenere il controllo di una rilevante parte del traffico organizzato di stupefacenti effettuato nelle varie zone della città". Le indagini hanno documentato anche lo svolgimento di un vero e proprio "summit", organizzato da Luigi Cavarra , ritenuto tra i fondatori dell'organizzazione mafiosa che inizialmente era conosciuta come "Urso-Bottaro" che coordinava i principali gruppi di spaccio della città.
L'incontro, che è stato monitorato a distanza dalle forze dell'ordine, pare servisse "alla definizione di talune problematiche sorte in merito alla gestione del traffico di stupefacente, da cui sono scaturite anche vere e proprie aggressioni fisiche attuate ai danni dei soggetti che non si attenevano alle disposizioni stabilite dai vertici del clan mafioso". Il lavoro d'indagine coordinato tra le forze dell'ordine ha disegnato lo schema :"Le organizzazioni individuate fanno riferimento a Luigi Cavarra e Francesco Satornino, per i quali è stato riconosciuto il ruolo direttivo".
Il G.I.P. ha riconosciuto per il Cavarra anche "la sussistenza dell'aggravante di aver agito con metodo mafioso e al fine di agevolare il clan Bottaro/Attanasio, cui era destinata parte dei proventi illeciti". Nel corso delle indagini è emerso che la droga era acquistata a Catania, attraverso appartenenti al "clan Cappello", nella zona di Adrano o nella provincia di Palermo, per poi essere immessa nel mercato aretuseo. Durante l'operazione sono stati sequestrati stupefacenti e armi. Alcuni degli arrestati, oltre all'associazione per delinquere, dovranno rispondere anche di "detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti" perché colti i degli indagati colti in flagranza di reato. © 2017 © www.augustaonline.it




© 2017 All Rights Reserved.E' vietata la riproduzione totale o parziale senza il permesso scritto dell'editore.