Alberghi Augusta Calendario eventi Immagine del giorno


|HOME | Arch. articoli| Aziende |Cconsigli utili | Meteo| Porto| Monumenti| Traffico| Numeri utili| Redazione|
    AUGUSTA ON LINE,www.augustaonline.it,augusta, notizie,informazione,tempo reale
Pubblicità |Canale viaggi| Crociere | Cucina| Editoria Immobiliari| Italiani| Ricerca| Sondaggi | Sport|

Condividi Calendario Eventi Associazione Genitori e figli Meteo Augusta






Augustaonline.it



Provincia

Floridia : Panettiere ucciso da un minorenne

12 settembre 2016 - A sparare sarebbe stato un 17enne al culmine di una serata condita da arroganza, bullismo e incoscienza giovanile. Un episodio di cronaca che deve fare riflettere. "Siamo nella generazione in cui se distruggi un IPHONE ti disperi,se distruggi una persona non te ne rendi nemmeno conto" e "Non permettere alla gente di guardarti dalla testa ai piedi e giudicarti... Più grandi di noi c'è solo Dio" sono frasi pubblicate su uno dei profili social di uno degli indagati di questa storiaccia di provincia che ha come agnello sacrificale uno stimato artigiano che ha avuto l'unico torto di incotrare sulla propria strada questo mini branco che ha agito come in uno dei tanti film che affollano i palinsesti della tv.
Uno dei due minorenni, durante l'interrogatorio di garanzia , davanti a un avvocato di fiducia, ha riferito "di avere con sé la pistola utilizzata per commettere l'omicidio e di averla passata all'altro minore". Ha inoltre indicato il luogo in cui l'arma è stata gettata dopo , un vasto terreno incolto con fitta vegetazione nel territorio di Floridia, luogo in cui, dopo un accurato rastrellamento condotto con diversi Carabinieri, la pistola è stata rinvenuta. Si tratta di una Berretta calibro 7.65, con matricola abrasa, con un colpo nel caricatore. L'arma è stata inviata agli esperti dell'Arma "per ulteriori accertamenti tecnico-balistici volti a verificare l'eventuale impiego in altri eventi criminosi e la provenienza furtiva".
E' il segnale di una profonda e avanzata crisi di identità e civiltà che utilizza una pistola, con la facilità disarmante, per "punire" un rimprovero a un comportamento fuori dalle righe o esagerato. Potrebbe capitare a ognuno. Al termine di un'intensa attività di indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Siracusa e dalla Procura dei Minorenni di Catania, sono stati sottoposti a "fermo di indiziato di delitto" tre giovani di Floridia, due minorenni, nei cui confronti i Carabinieri della locale Tenenza, in stretta sinergia con i colleghi del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale e dell'Aliquota Operativa della Compagnia di Siracusa, hanno raccolto "gravi indizi di colpevolezza" per l'efferato omicidio del titolare di un panificio, il 49enne Sortino Sebastiano, commesso nella notte del 10 settembre.
I militari dell'Arma hanno ricostruito la scena dell'esecuzione, il movente sarebbe da ricondurre alla "volontà da parte dei tre giovani di vendicarsi per un'accesa lite intercorsa con la vittima". I tre giovani si erano presentati all'interno del panificio come loro abitudine fare da tempo per consumare cornetti e pizzette. Secondo le testimonianze "hanno iniziato a prendere e lanciare dei pezzi di pellet utilizzato per l'accensione del forno". Il loro comportamento ha indotto un dipendente a contattare il proprietario che si è precipitato sul luogo di lavoro a bordo della propria vettura. Sortino avrebbe cacciato dal locale i tre giovani, esasperato da un comportamento che pare andasse avanti da tempo.
La vendetta è stata attuata in via Boschetto, angolo via Foscolo, mentre la vittima si trovava alla guida della sua vettura, probabilmente mentre tornava a casa. L'identificazione dei giovani, oltre alle indicazioni fornite su uno di loro dal dipendente e da quelle raccolte sul luogo dell'evento, è stata incrociata dai militari della Tenenza di Floridia, che hanno ricostruito il giro di amicizie e frequentazioni dei soggetti coinvolti ed i loro movimenti nelle ore precedenti al delitto. Determinanti le immagini di tutti i sistemi di videosorveglianza presenti, pubblici e privati, presenti nell'area. Le immagini registrate sono state attentamente visionate da un team investigativo dedicato.
In una di queste riprese è possibile notare i tre indagati, a bordo di un solo scooter, percorrere le vie in cui si è verificato l'omicidio, primo elemento che li ha accumunati e da cui si è sviluppata l'attività investigativa. Una delle immagini registra gli ultimi momenti, l'autovettura della vittima che passa, lo scooter con i tre che inveiscono a gesti. Oltre ad altri accertamenti di natura tecnica, gli elementi raccolti nelle prime ore hanno consentito ai Magistrati ed ai Carabinieri di procedere a interrogatori che hanno portato, per alcuni indagati, ad ammissioni delle proprie responsabilità. Al termine delle formalità di rito i minorenni sono stati associati al Centro Prima Accoglienza Minori di Catania; il maggiorenne, Foti Dylan, 19 anni, è stato associato presso la Casa Circondariale "Cavadonna" di Siracusa. Il reato contestato "omicidio volontario in concorso, porto e detenzione di munizioni ed arma clandestina". Adesso la battaglia legale si giocherà sulle singole responsabilità. Comunque vada vite spezzate, quella della vittima e dei tre protagonisti. © 2016 © www.augustaonline.it





© 2016 All Rights Reserved.E' vietata la riproduzione totale o parziale senza il permesso scritto dell'editore.
Risoluzione consigliata 1024x768-