Alberghi Augusta Calendario eventi Immagine del giorno Mappa Augusta


|HOME | Arch. articoli| Aziende |Cconsigli utili | Meteo| Porto| Monumenti| Traffico| Numeri utili| Redazione|
Augustaonline 25 anni d'informazione indipendente
Pubblicità |Canale viaggi| Crociere | Cucina| Editoria | Ricerca| Sondaggi | Sport|

Condividi Negozio Cucciolo Calendario Eventi Abbigliamento sportivo Meteo Augusta





Augustaonline.it



Primo Piano

Autorità portuale : Il problema è solo una spartizione di poltrone?

19 maggio 2017 - "Augusta o Catania? Catania o Augusta? Questi "rimpalli" di gestione della Port Authority non mi piacciono". Lo afferma Stefano Munafò, segretario generale territoriale della Uil che è tornato sulla questione della sede dell'ente portuale di Sistema mare della Sicilia Orientale. Ricordiamo che la sede è ancora in bilico tra Augusta e Catania, infatti il presidente Andrea Annunziata fa la spola tra le due sedi, almeno fino a quando non arriverà una risposta certa al dilemma amletico "Augusta o Catania?", almeno fino a quando non sarà messo nero su bianco nella Gazzetta Ufficiale o con il promesso ritiro della lettera con cui il presidente della Regione Sicilia, Rosario Crocetta, ha improvvidamente consigliato il trasferimento dal porto Core Augusta a quello regionale di Catania.
La questione, al centro dell'attenzione cittadina nei scorsi mesi, con il culmine la manifestazione provinciale del 10 febbraio, più volte sottoposta anche in tavole rotonde ad-hoc con istituzioni, deputazione siracusana regionale e nazionale e interrogazioni parlamentarie. "Ma sembra che non interessi alcuno la vicenda - sostiene Munafò - perché a distanza di un mese dall'ultimo incontro durante il quale era stato rassicurato che si sarebbe venuti a capo della vicenda, siamo ancora qua a leggere di rimpalli e situazioni senza una soluzione perché evidentemente ad Assoporto, al sindaco di Augusta e alla deputazione siracusana la questione non sta realmente a cuore.
Si pensa solo a come spartirsi le poltrone o il potere. Ma allora perché ci hanno chiamato in causa? A cosa serviva l'intervento delle organizzazioni sindacali se poi si decide di non decidere? La Uil ha
- conclude Munafò - sempre ribadito la propria posizione: la sede deve essere Augusta, per tutte le considerazioni fatte in passato sul movimento che caratterizza quest'area e la sua posizione strategica. Ma risposte ancora non ne abbiamo". Nell'ultima settimana , appena trascorsa, l'attenzione è stata attirata dalla nomina della regione di Gaetano La Ferla a componente del Comitato di gestione, numerose le prese di posizioni, le polemiche.
Nei giorni scorsi sono intervenuti anche i due consiglieri comunati del movimento Attivamente : "Abbiamo ritenuto opportuno inviare un' interrogazione consiliare all'amministrazione per capire come si stia provvedendo e secondo quali criteri in seno alla nomina del rappresentante del Comune all'Autorità di Sistema Portuale". Lo riferisce una nota congiunta dei consiglieri di minoranza Angelo Pasqua e Biagio Tribulato. "Apprendiamo dalla stampa di un incontro avvenuto tra Assoporto, Sindaco e il Presidente Annunziata e di questo ne siamo felici - aggiungono - perchè finalmente sono stati coinvolti gli operatori che tutti i giorni hanno a che fare con le reali problematiche del porto. Tuttavia crediamo comunque che sia opportuna, sebbene il Comune non abbia ancora provveduto come piu' volte da noi sollecitato, la costituzione di una Consulta per gli affari portuali che annoveri tutti i portatori di interesse del territorio.Confidiamo - conclude la nota congiunta - che si ripristini il regolare svolgimento del Consiglio Comunale per poter discutere l'interrogazione con celerità". © 2017 © www.augustaonline.it




© 2017 All Rights Reserved.E' vietata la riproduzione totale o parziale senza il permesso scritto dell'editore.