Alberghi Augusta Calendario eventi Immagine del giorno Mappa Augusta


|HOME | Arch. articoli| Aziende |Cconsigli utili | Meteo| Porto| Monumenti| Traffico| Numeri utili| Redazione|
    AUGUSTA ON LINE,www.augustaonline.it,augusta, notizie,informazione,tempo reale
Pubblicità |Canale viaggi| Crociere | Cucina| Editoria | Ricerca| Sondaggi | Sport|

Condividi Negozio Cucciolo Calendario Eventi Associazione Genitori e figli Meteo Augusta







Augustaonline.it



Primo Piano

Manifestazione provinciale ad Augusta in difesa del porto

10 febbraio 2017 - La risposta della piazza al "decreto fantasma" Delrio è stata notevole e compatta. Alcune migliaia di manifestanti si sono ritrovate oggi pomeriggio alla Porta Spagnola, simbolo di Augusta, per la manifestazione "Difendiamo il nostro porto" / #èsolounaquestionedicore organizzata da tutte le sigle sindacali, dalle associazioni di categoria, Assoporto. Erano presenti i sindaci dei comuni della provincia, deputati regionali e nazionali. Migliaia di cittadini hanno risposto all'appello e hanno sfilato fino a Piazza Duomo, dove il corteo si è sciolto, tra i mugugni, mentre gli organizzatori sono saliti a Palazzo di città dove è stata fissata una conferenza stampa, forse inopportuna, dopo una manifestazione di piazza.
Molti cittadini hanno trovato da ridire su questa iniziativa, ma sono scelte che forse sfuggono alla maggioranza delle persone che erano intervenute per dare manforte all'idea di evitare lo "scippo istituzionale". E' stata questa la prima risposta della piazza contro il decreto Delrio che assegnerebbe la sede dell'autorità di Sistema mare della Sicilia Orientale a Catania e non ad Augusta che ricordiamo è l'unico porto Core individuato dalla Comunità Europea e quindi sede naturale dell'Autorità.
Al corteo che ha percorso le vie cittadine dalla Porta Spagnola a Piazza Duomo c'erano i sindacati, i lavoratori del porto, imprenditori, rappresentanti della chiesa augustana, semplici cittadini, c'erano mamme con la carrozzina e anziani pensionati a fianco degli studenti che, non erano numerosi, ma hanno voluto partecipare. Le nuvole e qualche goccia di pioggia hanno lasciato il posto a un ben augurale arcobaleno che ha fatto la sua comparsa nel cielo a Nord , in direzione di quella città Metropolitana che vorrebbe comportarsi da matrigna con Augusta. La favola di Cenerentola (Augusta) e la matrigna cattiva (Bianco) e le sorellastre ( Crocetta e Delrio). Augusta aspetta il suo Principe Azzurro che la salvi da un destino segnato di città Cenerentola , messa in secondo piano.
Una folla che non si vedeva da qualche tempo in città. Una manifestazione che avrebbe dovuto essere il primo segnale inequivocabile per una politica che sembra infischiarsene di regole comunitarie, numeri statistici, misure geografiche, insomma una politica che pensa di risolvere tutto con atti d'imperio senza basi oggettive. Una vicenda che comunque non è venuta fuori all'improvviso. Da anni i più attenti osservatori avevano compreso cosa stava accadendo. La cancellazione delle province, occupate "militarmente" dal Governatore Crocetta tramite nove commissari regionali. L'attuazione della legge nazionale che istituisce le città Metropolitane di Palermo, Messina e Catania con pretese che palesemente significano altre "occupazioni militari" da parte dei sindaci-metropolitani.
I continui commissariamenti e i finanziamenti non spesi per il porto di Augusta hanno completato il quadro desolante di una politica padrona che agisce contro gli stessi interessi dei territori, considerati come mucche da mungere. Tutto bene alla manifestazione in un clima di coesione. Ma non tutte le ciambelle riescono con il buco. Non eravamo convinti prima della conferenza stampa, ritenuta superflua. Ne siamo stati convinti con il gran finale da farsa napoletana. E' bastata una frase , il solito malinteso, per accendere un fuoco in diretta streaming. Un finale che ha confermato come sia labile la coesione tra le varie anime. Un finale a sorpresa che era in agguato. Una"grandiosa" manifestazione con farsa finale, riportata sui social. Video virali che mostrano l'italietta della politica nostrana, tra personalismi accentuati e protagonismi programmati a tempo, tra gli applausi delle potenti lobby che puntano alle divisioni per arrivare alla meta finale . Gianni D'Anna - 2017 © www.augustaonline.it



Ricordiamo che Augustaonline ha tenuto conto del tempo trascorso dalla visita del ministro Graziano Delrio ad Augusta (20 giugno 2015). In quell'occasione Augustaonline.it ha chiesto chiarimenti sulla vicenda del lungo commissariamento della Port Authority megarese e se in agenda c'era la nomina della presidenza. Risposta :"Nei prossimi mesi faremo tutto....." Invece sono trascorsi inutilmente :





© 2016 All Rights Reserved.E' vietata la riproduzione totale o parziale senza il permesso scritto dell'editore.
Risoluzione consigliata 1024x768-