Alberghi Augusta Calendario eventi Immagine del giorno Mappa Augusta


|HOME | Arch. articoli| Aziende |Cconsigli utili | Meteo| Porto| Monumenti| Traffico| Numeri utili| Redazione|
Augustaonline 25 anni d'informazione indipendente
Pubblicità |Canale viaggi| Crociere | Cucina| Editoria | Ricerca| Sondaggi | Sport|

Condividi Negozio Cucciolo Calendario Eventi Abbigliamento sportivo Meteo Augusta





Augustaonline.it



Primo Piano

Sede autorità portuale : certificato il decreto fantasma

6 aprile 2017 - "Per il Tar di Catania il decreto del ministro Delrio che trasferisce la sede dell' Autorità di sistema del Mare di Sicilia orientale da Augusta a Catania non esiste. E quindi rimane ad Augusta la sede della nuova Autorità di sistema". E' quanto afferma Marina Noè, presidente di Assoporto Augusta dopo l'ordinanza emessa oggi pomeriggio dalla terza sezione del Tar di Catania che non ha accolto la richiesta di sospensiva cautelare avanzata con il ricorso contro il trasferimento della sede degli operatori portuali megaresi, a cui si sono affiancati i Comuni di Augusta, Melilli e Priolo con la seguente motivazione: "considerato che non è stato dimostrato che l'avversato provvedimento abbia iniziato a produrre si sui effetti atteso che non risulta che il decreto impugnato sia stato pubblicato o in qualsiasi modo reso conoscibile all'esterno".
Quello che è sempre stato definito come "decreto fantasma" appunto è stato certificato come inesistente anche dai magistrati della Terza Sezione Pancrazio Maria Savasta(presidente), Giuseppa Leggio( consigliere estensore) e Francesco Mulieri (referendario) e come tale ha chiarito che la sede rimane ad Augusta. Il Tar nel comunicare l'esito ha anche stabilito la "compensazione delle spese della fase cautelare".
"Aspettiamo, dunque, il Presidente Andrea Annunziata per l'insediamento ad Augusta, a questo punto qualsiasi altra azione del ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio sarà oggetto di una nuova reazione. Ora che la magistratura ha deciso che il decreto non c'è - conclude Marina Noè -tutti ne prendano atto". L'ordinanza del Tar di Catania al ricorso di Assoporto Augusta, che ricordiamo era stato condiviso e supportato anche dai comuni Augusta, Melilli e Priolo, mette il timbro a un pasticcio ministeriale che ha coinvolto anche la Regione Sicilia. Comunque rimane alta l'attenzione del territorio su una vicenda che probabilmente potrebbe riservare sorprese e nuovi sviluppi. © 2017 © www.augustaonline.it




© 2017 All Rights Reserved.E' vietata la riproduzione totale o parziale senza il permesso scritto dell'editore.