Alberghi Augusta Calendario eventi Immagine del giorno Mappa Augusta


|HOME | Arch. articoli| Aziende |Cconsigli utili | Meteo| Porto| Traffico| Numeri utili| Redazione|
Augustaonline 25 anni d'informazione indipendente
Pubblicità |Canale viaggi| Crociere | Cucina| Editoria | Ricerca| Sport|

Condividi Il facilitatore Calendario Eventi Libri scolastici -15% Meteo Augusta





Augustaonline.it



Attualità

Inaugurata una serie di conferenze sulla Legge Severino

8 settembre 2017 - "Facilitatore è un sostantivo maschile che indica chi facilita, rende agevole il conseguimento di qualcosa". Questa la definizione del dizionario. Questo sostantivo però è anche al centro di un articolo del codice penale che tratta di "Traffico di influenze illecite". L'articolo 346 bis introdotto dalla Legge numero 190 del 2012 - Legge Severino. Ne ha parlato recentemente Giovanni Intravaia, legale, presidente dell'osservatorio Cattolico "Pro Iure et Iustitia", che ha inaugurato un ciclo di incontri sul tema dei reati rivisitati e introdotti dalla Legge "Severino".
"Il facilitatore è un operatore, a cavallo fra il grottesco e il drammatico, - ha sostenuto Intravaia - che compare sistematicamente nelle più importanti indagini sulla moderna corruzione, quale soggetto che deve agevolare i rapporti tra i diversi mondi che, nella moderna forma assunta dal fenomeno corruttivo, sono uniti da legami stabili e strutturati. Nel nuovo contesto la tangente non è la remunerazione di uno specifico favore, ma una pratica diffusa e preventiva che vede il burocrate o il politico pronto a risolvere problemi, a sbloccare pratiche, "aiutare" l'imprenditore amico nei rapporti con gli uffici della Pubblica Amministrazione. Insomma, non si vende l'atto, ma la funzione o qualità del pubblico ufficiale.
Il giuramento di fedeltà allo Stato è tradito alla radice e, con esso, la dignità di chi l'ha prestato. La complessità delle trame e delle relazioni "istituzionali" richiede, quindi, la presenza di un soggetto dotato di un'ampia rete di amicizie e di conoscenze, in grado di intervenire nei procedimenti di formazione della volontà dell'amministrazione e di mettere in contatto politici, burocrati, imprenditori ed esponenti del mondo criminale. E' in definitiva
, - -conclude Intravaia - un "mediatore amministrativo" rigorosamente bipartisan, capace di raggiungere politici e amministratori, di aprire tutte le porte e di avere la meglio sugli infernali meccanismi della burocrazia".
La figura del facilitatore quindi non sarebbe altro che il termine moderno del vecchio "faccendiere". Nel suo libro "Il facilitatore"(Feltrinelli - 2015) ,Sergio Rizzo analizza questa figura che emerge naturalmente nelle dinamiche della nuova corruzione consociativa, basata sulle consulenze e sui favori, più che sulle classiche tangenti in denaro. "Le storie narrate nel libro non sono frutto di fantasia.Traggono spunto da episodi accaduti o circostanze reali, fatti ai quali le cronache hanno talvolta dato ampio risalto". Chi è il "facilitatore"? Secondo il giornalista-scrittore è colui che sta al centro di una fitta rete di conoscenze, interessi, legami che avvincono il potere legale a quello illegale. Rizzo nel suo libro descrive un affresco del potere italiano, una ricostruzione impietosa della realtà con gli strumenti della fiction. © 2017 © www.augustaonline.it




© 2017 All Rights Reserved.E' vietata la riproduzione totale o parziale senza il permesso scritto dell'editore.