Alberghi Augusta Calendario eventi Immagine del giorno Mappa Augusta


|HOME | Arch. articoli| Aziende |Cconsigli utili | Meteo| Porto| Monumenti| Traffico| Numeri utili| Redazione|
Augustaonline 25 anni d'informazione indipendente
Pubblicità |Canale viaggi| Crociere | Cucina| Editoria | Ricerca| Sondaggi | Sport|

Condividi Negozio Cucciolo Calendario Eventi Young Artists Plus Meteo Augusta





Augustaonline.it



Attualità

Augusta - Area sosta faro: aprite quel cancello

20 giugno 2017 - Mettete fine all'utilizzo di quella piazzetta che è pedonale e tale deve rimanere. Utilizzata in modo improprio per alcuni giorni in deroga allo stesso Codice della Strada che vieta il posteggio sulle aree pedonali e sulle aree rialzata dal piano stradale. Una soluzione insufficiente e molto provvisoria. "Verificato che la richiesta non comporta una variazione dello stato dei luoghi, si ritiene di non dover esprimere parere in merito." La conferma ufficiale arriva direttamente dalla Sovrintendenza di Siracusa che è stata interpellata , dagli interessati, in merito a una richiesta Scia respinta dal Comune nelle scorse settimane. "Come sapete - sostiene Giuseppe Schermi, consigliere comunale e portavoce Diem25 (immagine a lato) - il Sindaco ha paventato l'irregolarità delle SCIA presentate per parcheggio privato a uso pubblico nei terreni in zona Punta Santa Croce, adducendo quale motivo ostativo la carenza di parere della Sovrintendenza. Al comunicato è poi seguita l'ordinanza dirigenziale di blocco dei lavori lo scorso 5 giugno e un'ulteriore conferenza stampa del Sindaco,che si è conclusa con la minaccia di azioni legali.
Al fine di risolvere il disagio per i cittadini,
- continua la nota del consigliere di minoranza - pur non condividendo le argomentazioni, mi sono recato personalmente più volte in Sovrintendenza ottenendo la risposta riportata. Non posso che fare i miei i complimenti al consigliere Marco Niciforo, che sin dalla prima ora ha sostenuto questa tesi, ora confermata ufficialmente dalla Sovrintendenza. Chiedo - conclude la nota - ".
Cade così, una volta per tutte e inequivocabilmente, la pregiudiziale di un parere che , come logica, secondo le vigenti leggi, non serve per l'apertura di un'area sosta stagionale. Sfatata anche la scusa del "Piano paesaggistico - zona 3" che l'amministrazione sbandiera da due anni. Anche perché nella zona di Brucoli, che appartiene allo stesso Piano paesaggistico, l'Enel ha affidato sempre e comunque la sua area in comodato d'uso gratuito al comune. Rimane da sfatare l'ultima legenda legata all'area balneare nelle adiacenze del faro di Augusta , la grave insinuazione che quell'opera pubblica, conosciuta come "Rivalutazione urbanistica di Punta Santa Croce", sia un'opera abusiva e che ha ingenerato molta confusione e la solita inqualificabile "lapidazione pubblica" ai danni di chi quel progetto ha firmato con tanto di approvazione della Sovrintendenza che aveva chiesto anche delle varianti per ottenere l'aspetto attuale.
Al di là delle polemiche personalistiche, per mettere la parola fine a questa vicenda che dura da decenni, si completino le opere con bagni pubblici, docce e tutti quegli accorgimenti che consentirebbero una seria e duratura soluzione che possa consentire la fruizione stagionale dell'area balneare alla cittadinanza. © 2017 © www.augustaonline.it





© 2017 All Rights Reserved.E' vietata la riproduzione totale o parziale senza il permesso scritto dell'editore.
Risoluzione consigliata 1024x768-